centrotrentasettemiladuecento lacrime su Guercino

copia da guercino dorotheum 1.JPG

Non ho niente contro i soldi.
Viva i soldi.
Chi li ha, li spenda e se li goda come crede.

I soldi hanno tanti poteri.
Fanno diventare le persone simpatiche, intelligenti, interessanti.
Gli uomini affascinanti.
Fanno mutare le opinioni, i governi e quasi tutte le altre cose.

Sono poche le cose che non possono fare.
Tra queste, cambiare l’aspetto dei quadri.

Anche se qualcuno ha pagato 137.200 €, questa enorme quantità di denaro non riuscirà a tramutare questo quadro in un Guercino.
Rimarrà sempre una copia dal quadro della Pinacoteca Civica di Cento.
Anche pagandolo il doppio dei soldi.
Anche il triplo.

Questo non sarà mai Guercino:

copia da guercino dorotheum 4.JPG

Questo non sarà mai Guercino:

copia da guercino dorotheum 2.JPG

Questo non sarà mai Guercino:

copia da guercino dorotheum 3.JPG

A me, ripeto, dei soldi non interessa niente.
Però oggi tante cose si misurano in soldi.

Ma se Guercino è questo, allora possiamo dedicarci ad altro.
Non vale la pena sacrificare tutto per questa roba.

E’ solo la mia opinione, naturalmente.

 

Annunci
Pubblicato in Ma proprio no | Contrassegnato , , , , , , , , , , | 4 commenti

Marcello Venusti, message in a bottle

copia venusti barcellona.JPG

Quando lavoravo in Finarte (prima che si capisse che ero inutile e dannoso) mi avevano contattato per avere informazioni sul bel San Lorenzo di Marcello Venusti, oggi a Palazzo Barberini:

venusti roma barberini.JPG

Dato che la priorità era liberare la scrivania, ho portato via solo la mia testa bacata e nient’altro.
Quindi non posso recuperare il contatto.
Allora getto nell’etere la segnalazione della copia qui in apertura, che passa a Barcellona tra qualche giorno (qui):

17th century Spanish School
Saint Lorenzo
Panel painting in oil. Lined. 66 x 49 cm.

Qualità andante, e forse davvero spagnolo.
I ricordi romani sono solo iconografici, come lo sgangherato Pantheon in basso a sinistra (che poi viene da un manoscritto di Bernardo Della Volpaia, ma è una storia lunga).

Però è interessante, perché è comunque una testimonianza di una qualche notorietà di un quadro ancora oggi semi-sconosciuto.
Spero che arrivi a destinazione.
Più di così non posso fare.

 

Pubblicato in Consigli per gli acquisti | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , | 13 commenti

il chiarissimo Masino Buscetta

professor buscetta.JPG

Non volevo tornarci più sopra, perché tanto è il solito polpettone che non porterà a niente.
Però una cosa devo proprio dirla, per chiarire meglio il mio pensiero (nel caso non fosse abbastanza chiaro).

Mi riferisco ai professori di diritto tributario che si spartivano i posti all’Abilitazione Scientifica Nazionale del 2012 (qui).

Mettiamo il caso che, assuefatti alla consuetudine, non si rendessero conto di commettere un illecito.
Che si siano accorti del dolo soltanto dopo che glielo hanno fatto notare i magistrati.
Può essere.

Allora io mi chiedo.
Visto che lo stesso identico metodo, in quella tornata dell’ASN, è stato applicato ad altri settori (ad esempio al nostro scintillante Storia dell’Arte, come tutti sanno), presumo che sia illegale anche in quei casi.
Si alzerà qualcuno, e dirà: “Non sapevo di commettere un reato, eseguivo gli ordini e seguivo le convenzioni, ma adesso mi rendo conto di avere sbagliato”?
Oppure: “Preferisco parlare adesso, piuttosto che andare in galera, e salvare quel poco di dignità che mi resta”?

Persino la mafia ha avuto i suoi pentiti, i suoi collaboratori di giustizia.
A cominciare dal ch.mo prof. Tommaso (Masino) Buscetta ritratto in apertura.

Ecco, quando UN docente farà le sue rivelazioni ai magistrati aiutandoli a capire i meccanismi dell’associazione, allora potremo cominciare a distinguere i buoni e i cattivi.
A guadagnare credibilità e rispetto.

Prima, no.

 

Pubblicato in Come stanno le cose | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

Maestro della Madonna Parrish

maestro della madonna parrish bonhams.JPG

Chi conosce il Maestro della Madonna Parrish?
E’ un pittore anonimo bolognese, alter ego di Giacomo e Giulio Francia, a loro volta figli del più noto Francesco.
Passa un suo quadro da Bonhams (qui):

Bolognese School, 16th Century
The Madonna and Child
oil on panel 51.2 x 37.2cm

Dirà il lettore che già è noioso Francesco Francia… peggio ancora i figli… c’è proprio bisogno di un sosia dei figli?
Boh. Ma se tutti questi pittori hanno prodotto e venduto centinaia di quadri, un motivo ci sarà.

E’ un artista che prende formule ptoto-classiciste e le rielabora in modo un po’ bizzarro.
Fosse stato fiorentino sarebbe considerato un genio, tipo il Maestro dei Paesaggi Kress. Invece è bolognese e rimano uno sfigato.

Comunque il quadro è suo, e tutto sommato non è niente male.
E’ anche leggermente diverso dalla sua composizione abituale (sempre cocciutamente identica).
Cosa pretendete di più?

 

Pubblicato in Consigli per gli acquisti | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

Pittura erotica tra Bologna e Praga: aggiunte a Denys Calvaert e Dirck de Quade van Ravesteyn

ravesteyn.JPG

Non avevo mai caricato un articolo apparso sulla rivista dell’Università di Olomuc.
Immaginando che non avrà grande diffusione nell’Europa occidentale, rimedio ora, e adesso si può leggere (qui).
Si tratta del buon vecchio Denys Calvaert, e dei suoi legami stilistico-culturali con la coeva produzione rudolfina.

Ci sono un po’ dei suoi dipinti con donne nude (chiamarli erotici è un po’ eccessivo), con qualche nuova attribuzione e qualche precisazione.
Ma se posso essere orgoglioso di qualcosa, sono le due nuove attribuzioni a Dirck de Quade van Ravesteyn. Per un pittore che avrà dieci quadri in tutto, non mi sembra male.
Quello in apertura, in particolare, è un quadro bellissimo, prima malamente riferito a Willem van Mieris.

Ecco il riferimento bibliografico completo:

Michele Danieli, Pittura erotica tra Bologna e Praga: aggiunte a Denys Calvaert e Dirck de Quade van Ravesteyn, in “Czech and Slovak Journal of Humanities”, 3, 2016, pp. 39-52.

Buona lettura.

 

Pubblicato in Fatto o da fare | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

grande novità: il concorso truccato!

mr-bean-rose-ma-non-mi-dire.jpg

Devo fare in fretta a cogliere l’attimo, perché di solito queste notizie rimangono in evidenza per circa un quarto d’ora, venti minuti al massimo.
Poi scivolano giù giù giù, rimangono una mezza giornata tra il campionato iraniano di cricket e un video sui gatti, poi spariscono.
Per adesso si leggono qui, qui, qui eccetera. Persino qui.

In breve: i docenti di Diritto Tributario si erano messi d’accordo per manovrare le abilitazioni della meravigliosa ASN, l’Abilitazione Scientifica Nazionale.
Quella dove ogni studioso deve mandare le sue pubblicazioni, ogni membro della commissione deve leggere qualcosa come 200 pagine al minuto, e poi viene abilitato il gatto del Professore.
Si tratta di un macchinone gigantesco, un monumento alla corruttela che è stato accolto con gioia immensa dal corpo accademico.

Ci si può scambiare favori, si possono fare dispetti.. Tutto molto divertente. E soprattutto si può ballare il tip-tap su un sacco di sfigati, alcuni nemmeno strutturati, poveracci.
E’ bello sentire come scricchiolano sotto i tacchi.

Questi deficienti di Diritto Tributario però hanno esagerato, hanno chiesto a un tale di ritirarsi e evidentemente hanno lasciato qualcosa di scritto.
E quindi le parole, sbarcate nel mondo reale, hanno cambiato suono.
Gli “accordi tra gentiluomini” dei professori, per i giudici sono “sistematici accordi corruttivi”.
Le “scelte seriamente ponderate” sono in realtà “valutazioni non basate su criteri meritocratici bensì orientate a soddisfare interessi personali, professionali o associativi”.
Maifiosi, insomma.

Uff, che palle. Visto e rivisto.
Oggi qua, domani là.
Oggi Diritto Tributario, domani Chirurgia Toracica.

Quel che non capisco è questo.
Facciamo finta che io sia un ispettore di igiene. Vado in un bar in via Garibaldi 2*, e ci trovo i topi**. Faccio chiudere il bar e disinfestare.
Poi vado in un secondo bar in via Garibaldi 15, e ci trovo i topi. Faccio chiudere il bar e disinfestare.
Poi vado in un terzo bar in via Garibaldi 54, e ci trovo i topi. Faccio chiudere il bar e disinfestare.
E così via.

A un certo punto mi viene un dubbio.
Non ci saranno mica i topi in TUTTI I BAR DI VIA GARIBALDI?

Chissà.

 

 

* è una metafora per: Università
** è una metafora per: concorsi truccati

Pubblicato in Come stanno le cose | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

el sueño de Vincenzo Campi

campi vincen.JPG

Qual è il problema del sonno della ragione?
Non tanto che la ragione dorme, quanto i mostri che genera.
Nella storia dell’arte, la ragione si addormenta spesso. Di solito il denaro è il narcotico più efficace.

Vediamo allora questo quadro che passa da Vermot a Parigi (qui):

Vincenzo Campi (1536_1591), Ecole de
Portrait de jeune homme
Toile, 37 x 27 cm
Cadre ancien

Tutto nasce da un quadro che si trova a Capodimonte, eccolo qua:

capodimonte

Negli inventari più antichi era dato a scuola del Parmigianino, poi Ferdinando Arisi ha avuto la bella idea di attribuirlo ad Annibale Carracci [sic].

Quindi alla cerchia del povero Annibale vengono ricondotti gli esemplari della Pinacoteca di Bari (qui):

bari

e tanti altri che passano sul mercato, come quello già in collezione Gallino e presentato da Wannenes l’anno scorso (qui):

wannenes gallino

e infiniti altri, che il lettore più paziente potrà trovarsi da solo.

E Vincenzo Campi?
Federico Zeri il quadro di Capodimonte lo aveva messo nella cartella di Vincenzo Campi.
Ma la gente continua a far finta di credere che le attribuzioni della fototeca Zeri siano state suggerite allo studioso direttamente da Dio, sul monte Sinai.
E che quindi si possano ripetere pari pari senza tema di sconfinare nel ridicolo.

Senza rendersi conto di fare un figuraccia e di farla fare anche a Zeri che, poveretto, la foto da qualche parte doveva pure metterla.
Spesso ci azzecca, altre volte no. Come tutti.

Insomma, la ragione può generare tutti i mostri che vuola ma il denaro non dorme mai.

 

Pubblicato in Consigli per gli acquisti | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento