Solimena (Cestaro)

Il prossimo 12 ottobre presso Dreweatts, lotto 331.

Circle of Francesco Solimena
Oil on canvas, 63 x 50 cm (24 3/4 x 19 3/4 in)

La foto è piccola e brutta, ma il quadro non sembra niente male. E se non è proprio Solimena, sarà uno stretto seguace. Io così su due piedi mi gioco Jacopo Cestaro.

Tanto lo regalano: 1400-2100 euro.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Consigli per gli acquisti e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Solimena (Cestaro)

  1. Marco Alfano ha detto:

    Gentile Michele Danieli,

    il bel dipinto è copia, settecentesca, di una tela secentesca (210 x 145 cm) conservata nella Collegiata di San Giovanni Battista ad Angri (Salerno). L’opera è stata pubblicata dopo il restauro nel 1996 (Pathos ed Estasi. Opere d’arte tra Campania e Andalusia nel XVII e XVIII Secolo, a cura di V. de Martini, catalogo della mostra, Napoli, Electa, 1996, p. 71).
    Nella scheda il dipinto, siglato AF, è attribuita incredibilmente ad Andrea Vaccaro (?). Forse è possibile un riferimento (non solo in base alla sigla) ad un altro Andrea, Falcone, ma il problema rimane aperto.
    Il nome di Jacopo Cestaro, quale autore della copia, è interessante perché ad Angri sono conservate due sue importanti tele nella chiesa dell’Annunziata (Annunciazione e Madonna del Rosario).
    Se vuole posso inviarle una foto del dipinto di Angri.

    a proposito della situazione della nostra disciplina (e dell’Università italiana), sono amaramente d’accordo con Lei.

    cordiali saluti
    Marco Alfano
    SSD L-ART/02 L-ART/03

    • Marco Alfano ha detto:

      intendevo Aniello (non Andrea) Falcone

    • micheledanieli ha detto:

      Gentile Marco Alfano,
      la ringrazio per la sua risposta. Non conosco la tela di Angri, ma ho comprato il catalogo su Amazon e presto mi potrò fare un’idea.
      Per adesso ammetto che faccio fatica a incastrare i pezzi: nella tela Dreawatts non riesco a vedere nulla di riberesco, alla Falcone; al contrario le larghe falde del panneggio, con le ombra profonde, mi sembrano direttamente ricavate dal Solimena.
      Quando avrò il libro tra le mani magari capirò qualcosa di più.
      Intanto grazie

      Michele Danieli

  2. Enrico De Nicola ha detto:

    Salve,
    mi sono imbattuto casualmente (e tardivamente) in questo commento, e da buon perditempo dico la mia. Conosco il quadro, che è passato più avanti da Bohnam’s. Senz’altro il bozzetto, anzi modelletto (le differenze sono lievissime) per il dipinto di Angri, senz’altro solimenesco…il problema è quella sigla “AF”, che probabilmente trae più che altro in inganno. Il dipinto potrebbe essere di fine Seicento.

    • micheledanieli ha detto:

      Ringrazio per il commento, ma non sono d’accordo.
      Secondo me il rapporto va invertito, perché la tela Dreweatts mostra uno stile più maturo rispetto alla versione di Angri.
      Quest’ultima orbita certamente intorno a Solimena, ma in anni più acerbi (e forse sarebbe opportuno buttare nella mischia anche Angelo Solimena, padre di Francesco). Viceversa, la versione Dreweatts è meno drammatica e barocca, e pare una raffinata versione in piccolo di una immagine devozionale che evidentemente godeva di una certa popolarità.
      Per adesso mi sembra così.
      Grazie, e a presto

      MD

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...