Come funziona un concorso universitario

E’ da un po’ che lo volevo scrivere, poi ho trovato questa spiegazione su un oscuro forum (che non ho nemmeno ben capito di cosa si occupa).

Comunque, non avrei saputo dir meglio:

Le assunzioni nel settore universitario sono basate sulla mafia, letteralmente.
Un settore SSD di un ateneo stabilisce che si può assumere un ricercatore.
Si crea una commissione ad hoc che ha già in mente il profilo del candidato interno che andrà a vincere il concorso: il concorso viene modellato sul profilo di chi è già predestinatoa vincerlo.
1. La commissione ha sia membri interni (di cui il presidente, in genere) sia esterni: se quelli esterni si mettono di traverso e fanno storie, si fanno accordi di scambio con loro e si promette loro che in un nuovo concorso si
appoggeranno i loro candidati.
2. Si scelgono le tracce dell’esame scritto in accordo a quel che ha fatto il candidato che deve vincere: se è uno che si è occupato di “nanoparticelle magnetiche”, ad esempio, il 90% delle tracce dello scritto sarà proprio sulle
“nanoparticelle magnetiche”. Se si è occupato di “spettroscopia endor” il 90% delle tracce sarà sulla “spettroscopia endor”.
3. Per stare sul sicuro, i commissari danno al candidato che deve vincere le tracce d’esame in anticipo, così da avere la certezza che il suo compito sarà inattaccabile e migliore di quello di ogni altro candidato.
4. Alla prova orale, poi, ogni abuso verbale nei confonti dei candidati che devono perdere sarà giustificato (tanto verba volant, scripta manent).
5. Se il candidato che deve perdere non ci sta e fa ricorsi sa che non vincerà mai più un concorso universitario in vita sua: avere un posto all’università è riservato a gente che sa stare al gioco, a “uomini d’onore”, se denunci questo schifo sei out e lo sarai per sempre.
6. Alla fine vince chi doveva vincere.

Non sto scherzando, i concorsi universitari si svolgono davvero tutti così, da Milano fino a
Palermo.

Le uniche variazioni sul tema, si hanno nel caso di un disaccordo tra i membri interni della commissione nel caso che ciscuno di loro voglia far vincere un candidato diverso.
Oppure, nel (rarissimo) caso che vengano compiuti errori formali da parte della commissione nel corso delle prove
scritte, nel qual caso il concorso si può anche far saltare.

Ma comunque, l’eventuale “merito” o “demerito” del candidato non ha alcuno spazio: il candidato è un “cavallo” da corsa, ma chi stabilisce gli esiti della corsa è il “fantino”, cioè il professore che è alle sue spalle e che se è sufficientemente
“ammafiato” riesce a fargli avere il posto anche seil cavallo è un brocco tremendo.
Ci sono stati concorsi in cui nella commissione giudicatrice c’erano professori con meno pubblicazioni dei candidati che andavano a valutare (a parità di età!).

I soldi alla ricerca devono arrivare, ma questa università non ha l’autorità morale per pretenderli.
Serve una riforma delle modalità di reclutamento.

L’intervento è un po’ datato (2008): adesso lo scritto non esiste più e la valutazione si basa esclusivamente su titoli e pubblicazioni.

Ma la sostanza non cambia.

Certo, se applicato alla storia dell’arte medievale e moderna (L-ART/01 e L-ART/02) questo metodo lascia la società nell’indifferenza generale.

Ma bisogna pensarci quando si va al Policlinico universitario, magari in libera professione a 250 euri. Il medico che abbiamo davanti è stato assunto in questo modo. Magari è LO STUDIOSO MIGLIORE, e meritava il posto. Ma quella è la sua statura morale.

Speriamo di stare bene.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Come stanno le cose e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Come funziona un concorso universitario

  1. pietro di natale ha detto:

    mi ero perso “lo stato delle cose”…..meraviglioso! ridere o piangere…vivere o morire…altro che amleto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...