Direttori di Musei

direttori di musei

Sogno o son desto?
Scorro adesso l’elenco degli ammessi al colloquio per i posti di Direttore dei Musei Nazionali.
E’ qui (qui).

Confesso che quando ho letto dell’uscita del bando, mi pareva una buona idea.
Ma adesso che leggo il documento partorito, vedo bene che è la solita storia.
La solita spartizione della solita tortina.
Con alcune new entry incredibili. INCREDIBILI. Roba da sagra di paese.

Novità: zero.
Curiosità: zero.
Interesse per l’argomento: zero.
Mica serviva un ministro, per una lista del genere. La sapevano già tutti.

Qualcuno mi spiega come cazzo fa Mauro Felicori, dirigente al Comune di Bologna (100mila € all’anno, beato lui, qui), ZERO pagine di storia dell’arte scritte in vita sua, a essere in lizza alla 1) Galleria Estense di Modena 2) Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria 3) Museo Archeologico Nazionale di Taranto 4) Palazzo Ducale di Mantova 5) Palazzo Reale di Genova 6) Polo Reale di Torino.
Un genio assoluto, che abbraccia competenze enormi. E nella totale modestia, perché finora non abbiamo avuto il piacere di leggere una riga.

Cinque posizioni anche per Scalini.

E che dire di Beatrice Buscaroli Fabbri? Fresca di nomina (qui), finalista in tre specialità tra cui il Bargello [sic].

Una farsa agghiacciante.
Agghiacciande.

PS
Scherzi a parte, faccio notare la assoluta impermeabilità tra Soprintendenza e Università, con il solo De Marchi in lizza a Firenze. E Ekserdjian? chiederanno i miei piccoli lettori? Ma andatevene aff…
Della società civile (civile…) abbiamo già parlato, meglio soprassedere.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Come stanno le cose e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Direttori di Musei

  1. Alex Cavallucci ha detto:

    Non è un sogno.
    Questa è la natura delle cose, in Italia, e noi facciamo parte della natura e siamo italiani.
    La solita committenza, una volta una volta erano i ricchi e i chiesaroli, oppure era la sinistra ora è qualcosa di sinistro e basta.
    In una scena di “criminali da strapazzo” di Allen, dove l’imprenditrice ex povera in canna diventata ricca, alla cena di presentazione con la borghesia newyorkese dice: Vorrei mettere su una collezione con dei bei nomi come quello li com’è che si chiama ah si! Caravaggio, Tiziano.. insomma la solita banda! ah ah ah ah! Avete usato le coppe lavadita?
    Più o meno è così, non cambieremo noi il mondo.

    • micheledanieli ha detto:

      Io certo non cambierò il mondo. Non ne sono capace, né voglio farlo: io volevo solo studiare la storia dell’arte.
      Sono italiano, sì, ma non faccio parte della natura di queste cose. E nessuno potrà dire che ne sono complice, e nessuno potrà dire che non ho fatto sentire la mia piccola voce.
      Mi scuso per la presunzione, ma mi piace credere che se tante persone dicessero pubblicamente quello di cui si lamentano in privato, e semplicemente additassero le logiche mafiose che controllano il settore, o ancor più semplicemente rifiutassero di farne parte, il mondo un pochino un pochino un pochino cambierebbe. Un pochino solo, magari.
      Questo, dal sottosuolo, è il mio contributo.
      MD

  2. Fabio Lamacchia ha detto:

    Finalmente si apre una nuova rubrica!

  3. Marco ha detto:

    A mio modesto parere, la lettura della rubrica “Come stanno le cose” dovrebbe essere imposta per prescrizione medica a chiunque voglia aver a che fare in qualche modo con la storia dell’arte. Così, tanto per avere un’introduzione al “bel mondo” senza doverci necessariamente sbattere il muso. Titolo e foto geniali, questo blog riesce a strapparmi una sana risata anche quando il contenuto degli interventi è oggettivamente avvilente…giusta la considerazione sulla mancanza di denuncia pubblica, ma temo il sistema oramai si autoprotegga scartando fin dall’inizio chi parla troppo e pensa con la propria testa. E anche se qualcuno passasse per errore, ai livelli superiori scatta il firewall 2.0: scartano tutti e tengono parenti, amici e complici.

  4. Scalini Mario ha detto:

    Mi chiamo Mario Scalini e leggo questa pagina solo ora. Francamente di essere richiamato qui perchè selezionato pe cinque possibili sedi come se questo non avesse riscontro nel curriculum mi pare appena superficiale. Giudichi chi vuole guardando nel web le oltre centopubblicazioni e i titoli di servizo. Pazienza non sempre il merito si riconosce.. in questa macelleria mediatica poi. Grazie comunque.

    • micheledanieli ha detto:

      Gentilissimo, mi fa piacere vedere che tenere decine di visite e conferenze, partecipare a mostre, collaborare alla stesura del catalogo della Pinacoteca del Polo che Lei dirige non è sufficiente per far giungere il ricordo del mio nome ai piani alti. Ma mi rendo conto che guardare in basso fa venire un po’ la nausea.
      Riguardo il Suo nome, in effetti lo ho accostato a quello di altri due personaggi di tutt’altra caratura in maniera superficiale, come mi rimprovera.
      Mi scuso, ma era solo per dire che alcuni candidati mostravano uno spettro di competenze sovrumano, tanto da far sospettare che la loro sistemazione fosse prioritaria rispetto alla gestione della struttura alla quale sarebbero stati destinati.
      Mi corregga se sbaglio, ma nel Suo ricchissimo curriculum non compare una riga sull’arte napoletana o genovese. Per cui mi stupivo di vederLa candidata alla Reggia di Caserta o al Palazzo Reale di Genova. Tutto qui. Poi sono sicuro che avrebbe fatto benissimo in entrambe le sedi.
      Conosco bene il Suo lavoro. Ma il fatidico centinaio di pubblicazioni (qualcosa di meno, in verità) lo troverà anche nel mio, di curriculum. E visto che io invece sono disoccupato e ci si ricorda di me soltanto per darmi addosso, mi girano un po’ le scatole. Abbia pazienza.
      Ma la bellissima Italia è il paese dove le vittime sono i vincitori, per cui non posso neanche lamentarmi.

      In ultimo, mi permetta un’osservazione.
      Lei pensa davvero che sir Nicholas Penny abbia giudicato il CV di Mauro Felicori (tanto per restare agli esempi citati) adatto alla direzione della Galleria Estense di Modena, del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, del Museo Archeologico Nazionale di Taranto, del Palazzo Ducale di Mantova, del Palazzo Reale di Genova, del Polo Reale di Torino?
      E’ orgoglioso della giuria che la ha (giustamente, ripeto) selezionata, e dei suoi metodi?
      Io come vede non ho paura di esprimere le mie opinioni e di metterci la mia faccia di fallito.
      Se vorrà concedermi l’onore di dedicarmi un altro poco del suo tempo, vorrei leggere una Sua risposta in merito.

      Ultimissimo. Se fa un giro in rete, vedrà che la mia opinione non è poi così isolata…
      MD

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...