Domenico Morone

morone sotheby's

Passano agli inizi di luglio, da Sotheby’s, queste due tavolette (qui):

Domenico Morone
VERONA CIRCA 1442- CIRCA 1518 VERONA
THE DEATH OF URIAH THE HITTITE; THE ANNOUNCEMENT OF THE DEATH OF URIAH TO KING
DAVID AND BATHSHEBA
a pair, both oil on pinewood panel
each: 43.5 x 48.5 cm.;17 1/8  x 19 1/8  in.

Domenico Morone, benissimo.
Sono un po’ sgrammaticate ma non fa niente, si sente molto l’influsso delle predelle di Liberale.

Ma riguardandole mi torna sempre in mente la solita questione.
Come è possibile che questo pittore sia colui che affresca la libreria Sagramoso in San Bernardino a Verona?
La questione è lunga, non posso riassumerla qui. Ma secondo me non sta né in cielo né in terra.

Luciano Bellosi aveva sentito la (sacrosanta) esigenza di togliere gli affreschi Sagramoso dal catalogo del più arcaico Morone, creando una personalità apposita (il Maestro della Libreria Sagramoso).
Per me il Maestro della libreria Sagramoso non è altri che Girolamo dai Libri.

Adesso non ho voglia di mettere i confronti, ognuno li farà da sé.

Magari ci penseranno quelli di Verona, teatro di una sonora trombata qualche anno fa, uno dei concorsi più truccati di sempre.
Ci pensino un po’ loro, quindi.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Consigli per gli acquisti e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Domenico Morone

  1. Edoardo Villata ha detto:

    Gentile Michele,
    (possiamo darci del tu tra colleghi?). Naturalmente sono un lettore del tuo blog ma ultimamente mi ero perso parecchie puntate, e approfitto della giornata festiva per recuperare. Le due tavolette veronesi le avevo già pubblicate su “Verona illustrata” nel 2004, riferendole a un ennesimo anonimo, che chiamavo Maestro di Margherita Cipriani, un seguace di Antonio Badile. Vedo che i signori di Sotheby ignorano il contributo (ma ignorano anche Bellosi, quindi non possiamo pretendere). Ricordo che a un concorso torinese (direi che anche nella carriera concorsuale siamo colleghi: anzi a dire il vero avevo vinto, contro ogni pronostico, la cattedra di associato nel 2010, ma naturalmente non l’ho mai avuta) in cui peraltro non avevo presentato quella pubblicazione, nel verbale un commissario mi aveva rimproverato di non aver riconosciuto la falsita delle due tavolette. E va be’.
    Complimenti e cordiali saluti
    Edoardo

    • micheledanieli ha detto:

      Benvenuto.
      Da Sotheby’s, come nei concorsi, si conosce e si ignora ciò che meglio conviene.
      Ma soprattutto si ignora molto: poi i più bravi riescono a spacciare l’ignoranza per convenienza. Una dote invidiabile.
      Proprio in questi giorni ho rivisto la “Madonna col Bambino” data a Morone del Banco Popolare di Verona.
      Possono essere la stessa mano?
      Mah.
      Ma ripeto, a Verona mi hanno trattato come un minus habens, per giunta divertendosi molto, quindi forse ci sono cose che non capisco.
      A presto
      MD

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...