Buoni maestri. 7. Quousque tandem?

cicero.jpg

Durante le vacanze di Natale ho letto un libro che parla del reclutamento.
Si chiama De officiis, scritto da Cicerone, ordinario di diritto romano ormai in pensione.
Nel secondo libro parla dei concetti di “utile” e di “morale”, e di come non possano essere scissi. Intende dire che se la selezione di un nuovo docente (cosa “utile”) avviene tramite un concorso truccato (cosa non “morale”), questa non è più “utile”.

A poco a poco si è arrivati al punto di stabilire, separando la morale dall’utilità, che può esistere un comportamento morale che non sia utile, e un comportamento utile che non sia morale; penso che non esista convinzione maggiormente più perniciosa di questa per la vita degli uomini (II, 9)

Infatti il raccomandato zuccone e disonesto porta danno a tutta la disciplina, e la sua selezione “immorale” si rivela inevitabilmente “inutile”.
Per rafforzare il concetto, cita Ennio:

Penso che i benefici mal collocati siano malefici (Bene facta male locata male facta arbitror, II, 62)

Il terzo libro è tutto dedicato alla legalità delle procedure di selezione.
Ovviamente Cicerone è consapevole che c’è chi agisce deliberatamente contro la società, e per questo motivo è costretto a ribadire la validità di regole di base che siano il più largamente possibile condivise:

Infatti quanto sono importanti le parole CHE IO NON SIA CATTURATO O FRODATO A CAUSA TUA E DELLA TUA PAROLA! Quanto le auree parole BISOGNA ESSERE TRATTATI ONESTAMENTE TRA UOMINI ONESTI E SENZA FRODE [UT INTER BONOS BENE AGIER OPORTETET SINE FRAUDATIONE]!

Poi però ripensa ai membri della commissione intenti a redigere i verbali precompilati, e prosegue:

Ma la questione più seria è stabilire chi siamo gli uomini onesti e che cosa significhi essere trattati onestamente (III, 70).

Cicerone sa bene che i designati vincitori dei concorsi (i “cavalli”, in gergo baronale) sono un problema reale, che non si può aggirare con circonvoluzioni retoriche, La questione va affrontata frontalmente:

Se si vuole preservare e rispettare la moralità, bisogna gareggiare con questi uomini e con questi cavalli [cum his viris equisque], come si suol dire (III, 116).

Ancora la scienza giuridica non disponeva dei concetti di “barone”, cupola”, “associazione a delinquere di stampo mafioso”, ma la sostanza mi pare ci sia già tutta.
Duemila anni dopo, possiamo essere orgogliosi dei passi indietro compiuti.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Come stanno le cose e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Buoni maestri. 7. Quousque tandem?

  1. Alessio ha detto:

    Caro Danieli,
    io La seguo perché trovo alcuni suoi post istruttivi e credo sia una persona molto preparata.
    Capisco il suo risentimento verso i concorsi truccati e la “mafia universitaria”, ha pienamente ragione. Purtroppo la meritocrazia è un’utopia.
    Ma almeno Lei lavora comunque nel mondo dell’arte, a dispetto di migliaia di storici dell’arte disoccupati. Alla fine non può ritenersi soddisfatto? Riuscire a lavorare per una casa d’aste, svolgendo la professione con una certa onestà intellettuale, significa fare ricerca forse in maniera anche più stimolante rispetto al farlo dietro una cattedra universitaria (a parte l’aspetto economico forse).
    Le mando un cordiale saluto.

    • micheledanieli ha detto:

      Gentilissimo,
      a dire il vero, io sono a casa a guardare fuori dalla finestra, e non so se tra qualche mese avrò ancora di che smafare la mia famiglia.
      E questo grazie all’impegno e al divertimento di un pugno di persone delle quali conosco nome e cognome, esponenti di ciò che lei chiama la “mafia universitaria”, abusando di virgolette del tutto superflue.
      Mi spiace non avere la serenità sufficiente per ingoiare il mio risentimento, e mi spiace ancora di più se questo la turba.
      Le cose comunque stanno così, a prescindere dal mio destino personale.
      A presto
      MD

      • Alessio Cerchi ha detto:

        Caro Danieli,
        ovviamente non ero a conoscenza di questi nuovi rivolgimenti. Mi scuso quindi vivamente e con sincerità se in qualche modo ho mancato di rispetto alla sua sensibilità. Io sapevo che lavorava per una casa d’asta, e il mio commento non era altro che un ” magari potessi lavorarci io”.
        Sono anche io uno storico dell’arte (ancora giovane)disoccupato, che per altro aveva ricevuto delle promesse mai mantenute da uno di questi professori baroni (senza che mai chiesi nulla, ma convinto che fosse stato riconosciuto in qualche modo il mio valore).
        Le sono quindi vicino e le auguro il meglio.

      • micheledanieli ha detto:

        Nessun problema, e non c’è bisogno di scusarsi.
        Questo non è lo spazio per le scuse e per la compassione.
        Al contrario, la rubrica “Buoni maestri” serve proprio per mettere in guardia persone come lei dalla malvagità e dalla pochezza di questi figuri.
        Nell’attesa che qualcuno più intelligente di noi abbia un’idea per cambiare le cose.
        Dalla nascita dell’Università (anno Domini 1088) non è ancora successo, ma non si può mai dire…
        MD

  2. gabriele ha detto:

    Sono d’accordo su tutto quello che lei dice sull’Università di Bologna. Sottolineo, di Bologna.
    Ma lasciamo perdere…..

    p.s.
    Che ne dice del lotto n.17 della prossima asta di Boetto a Genova?
    A mio parere , è vicinissimo ad Amico Aspertini.
    Non credo nel Chiodarolo , e nemmeno in Pupini.
    Dalla foto , comunque,non si può giudicare….sia per lo stato di conservazione ecc ecc.; ho dei dubbi sul craquelé, Ma la tavola è molto piccola.

    grazie mille!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...