pubblica utilità: Ludovico Mazzolino

mazzolino-copia-boetto

Un lettore mi chiede:

Che ne dice del lotto n.17 della prossima asta di Boetto a Genova?
A mio parere , è vicinissimo ad Amico Aspertini.
Non credo nel Chiodarolo , e nemmeno in Pupini.
Dalla foto , comunque,non si può giudicare….sia per lo stato di conservazione ecc ecc.; ho dei dubbi sul craquelé, Ma la tavola è molto piccola

Il dipinto in questione è il seguente (qui):

Sacra Famiglia con S.Giovannino e S.Sebastiano
olio su tavola, sec.XVII cm. 37,5×43

Così, senza nome, scuola, niente.
Non è vicinissimo ad Aspertini, né a Chiodarolo (magari sapessimo come dipinge Chiodarolo), né a Pupini, né a nessun altro bolognese.
E’ una copia dal quadro di Ludovico Mazzolino firmato e datato 1511, lucrosamente venduto da Porro nel 2007 per oltre 200mila euri.
Eccolo qua:

mazzolino-porro

Visti uno accanto all’altro, è evidente che ha ragione Boetto quando parla di una copia secentesca.
Poi tacciono dell’originale ma va beh, quella è la furbizia di cui abbiamo parlato tante volte.

In conclusione: consiglio di risparmiare i 4mila euro richiesti.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Consigli per gli acquisti e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a pubblica utilità: Ludovico Mazzolino

  1. gabriele ha detto:

    sono lieto che abbia pubblicato (si fa per dire…) il dipinto in asta Boetto.

    Sono certo che è un maestro, mediocre, secentesco , che ha fatto una copia del quadro Porro.

    Ma a quei tempi c’era una amalgama tra Bologna e Ferrara (in cui vi era un influsso nordico).

    a presto e cordiali saluti

    • micheledanieli ha detto:

      Mah, io a dire il vero non vedo un grande amalgama Bologna-Ferrara intorno al 1511.
      Tanto è vero che un ferrarese come Lorenzo Costa per lavorare a Bologna ha dovuto “bolognesizzarsi”.
      Mi sembrano due realtà separate. Vicine nello spazio, ma separate.
      MD

      • gabriele ha detto:

        Tutti gli storici dell’arte, tutti, hanno scritto che l’arte è “relazionarsi”.

        Lorenzo Costa per lavorare a Bologna ha dovuto “bolognesizzarsi””.

        Appunto.

        Come volevasi dimostrare.

        La leggo con vivo interesse.

        cordialità e tanti saluti

        .

      • micheledanieli ha detto:

        Spero mi perdonerà se mi ostino a usare la mia capoccia, e non quella di tutti gli storici dell’arte.
        Che poi non stia funzionando, questo è un altro discorso…
        A presto
        MD

  2. gabriele ha detto:

    Commento legittimo.
    E’ uno che va controcorrente.
    Ma io la penso diversamente.

    La seguo ancor più di ieri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...